RICOSTRUZIONE    DI    UNA     RADIO    ANNI     30



Alla fiera di Pordenone, girando tra i vari banchetti la mia attenzione è caduta su una radio stile anni 30 che era stata messa un pò in disparte forse per le condizioni in cui si trovava. Il mobile si presentava male, pitturato varie volte con vernice nera, il frontale in bakelite era rotto, sollevato il coperchio si è presentato un guazzabuglio di fili dalla composizione più disperata, ne esistevano anche di quelli fatti con il filo di ferro. Le varie parti però si presentavano in una maniera discreta e alla fine, dopo aver contrattato il prezzo con il venditore la radio è entrata a far parte della mia collezione.
Prima di iniziare la ricostruzione ho fatto alcune foto:



clik per ingrandire clik per ingrandire clik per ingrandire clik per ingrandire





clik per ingrandire clik per ingrandire clik per ingrandire clik per ingrandire




Conoscendo la provenienza Ceca del ricevitore ho iniziato a fare una ricerca in rete ma di schemi che utilizzassero i componenti presenti in questo montaggio non ne ho trovati.
Ho cercato di risalire allo schema elettrico seguendo il cablaggio ma mi sono arenato una volta giunto al commutatore di gamma dove i fili staccati non davano alcuna sequenza logica al tutto.
Ritornato sul sito Ceco del Radiomuseum, sito che consiglio la visione visto che è molto interessante per la miriade di schemi ed altro, ho trovato uno schema che mi è piaciuto subito unica difficolta serviva costruire il variometro d'antenna cosa che però risultava spiegata nell'articolo.
Per chi ne fosse interessato questo è il link per scaricarlo:
qui





Questo è lo schema del ricevitore:



Alcune fasi della costruzione del variometro





clik per ingrandire clik per ingrandire clik per ingrandire clik per ingrandire




clik per ingrandire clik per ingrandire clik per ingrandire clik per ingrandire




Collaudo del variometro con lettura della frequenza minima e massima coperta





clik per ingrandire clik per ingrandire clik per ingrandire




Assetto definitivo del ricevitore montato su un telaio provvisorio



clik per ingrandire clik per ingrandire




Si passa quindi alla collocazione definitiva; il mobile è stato sverniciato riportando il legno allo stato naturale, quindi si è provveduto alla sua riverniciatura con gomma lacca, la parete frontale è stata sostituita con un pannello nuovo sempre in bakelite.
Il circuito è stato smontato dal telaio provvisorio e trasferito nel mobile restaurato.
Questo è alla fine il risultato.





clik per ingrandire clik per ingrandire clik per ingrandire clik per ingrandire


clik per ingrandire clik per ingrandire clik per ingrandire clik per ingrandire